giovedì 18 settembre 2014

Il Picchio birichino

La temperatura è gradevole, il lettino per prendere il sole nel prato c'è, un buon libro celò, mio nipote di 4 anni è munito di arco e frecce e sta cercando delle tracce seguito dal suo fedele gattone Cesarone.
Oooo!! .... Un po' di sano relax, .... mi sdraio per prendere un po' di sole.
Guardo le foglie della quercia muoversi con una leggera brezza .... mi piace il loro fruscio .... sembra musica. Sento la voce di mio nipote che dice "Guarda Cesare c'è una traccia di dinosauro" lo vedo chinato che sta osservando il terreno, mentre Cesare seduto vicino a lui  lo guarda dubbioso.
Quando "Tuc, tuc" .... "Tuc,tuc" .... Il gattone Cesarone drizza le orecchie.
Il Picchio birichino che abita sulla quercia non è suo amico, perché un giorno le ha fatto "Tuc, tuc" sul suo testone e lui non se l'è scordato.
Silenziosamente Cesare si avvicina alla quercia e guarda tra i rami e ... "Tuc, tuc"... già, già è proprio lui, il Picchio birichino, prende la rincorsa e si arrampica, ma il trambusto fa volere l'uccellino, che si posa sul pergolato ricoperto dalle foglie della vigna della casa e ... "Tuc,tuc" ... con il suo becco appuntito contro gli scuri di legno della casa!
"Eee no! Questo poi no! Picchio dispettoso, i miei scuri non li buchi!" Questa volta sono io che mi alzo dal lettino indispettita e inforcando la scopa per spazzare le foglie del giardino ... TUM, TUM,TUM ... batto col manico sul pergolato, il rumore lo fa volare via.
Questo nuovo gioco piace a mio nipote che smette di cercare tracce di dinosauro e mi comunica "Nonna ci penso io!" e comincia a picchiare con la scopa il pergolato.
"Vedrai che così non torna e se torna ho le frecce".
Cesarone lo guarda dalla quercia, il picchio non si vede e non si sente.
Riprendo il mio buon libro e la posizione al sole.
Chi sta usando la scopa dopo un po' si stanca e sentenzia "Vedrai che adesso il Picchio non torna" .... Ma Cesare non è convinto, scende dalla quercia e si arrampica sul pergolato e decide di sonnecchiare lì fra le foglie della vigna .... non si sa mai il Picchio birichino potrebbe tornare.
Mio nipote continua a cercare tracce di dinosauro, io leggo beata, Cesarone sonnecchia nascosto tra le foglie quando ... "Tuc,tuc" ... sulle persiane?!! Ma ... il mio gattone fa un balzone e lo agguanta  fra le sue zampe. L'uccellino muove le alucce disperato ... ma ... il gattone lo mette in bocca.
O mamma!!! ... Se lo mangia?!!!... Un po' mi dispiace.
Cesarone scende dal pergolato si avvicina e mi deposita l'uccellino impaurito ma vivo sul lettino ....da non credere ... Il Picchio birichino è smarrito e se ne sta, fermo, fermo con il cuoricino che le batte forte, forte. Il mio gattone si siede lo guarda attento e con la zampa lo tocca delicatamente, l'uccellino sbatte un po' le ali, lui sta per darle un'altra zampata che non sembra più tanto delicata ma io lo blocco prendendolo in braccio e ... l'uccellino vola via.
Bè, credo che il Picchio birichino abbia capito che non deve bucare le imposte di casa mia, per fortuna che non se ne è accorto mio nipote altrimenti si sarebbe armato di arco e frecce.
Accarezzo Cesarone il coccolone che soddisfatto fa le fusa, anche mio nipote si è unito al momento coccoloso, lui è l'esperto di grattini sul pancione del suo amico gattone che si gira beato a zampe all'aria.
La ca' sperduta.

Nessun commento:

Posta un commento