mercoledì 10 dicembre 2014

COME POSSO INTITOLARE QUESTO RACCONTO



Oggi il computer ha voglia di collaborare, finalmente posso raccontare con l’aiuto delle foto cosa è successo Venerdì 5 dicembre.

COME POSSO INTITOLARE QUESTO RACCONTO? 

Io e mio nipote la Birba, ci siamo divertiti a fare il presepe. Gli altri anni rivestivo uno scatolone che usavo come piano, quest’anno il mio nipotino di 5 anni, è più alto e ho utilizzato una scrivania, fin qui tutto bene, un presepe come tanti, però è il nostro eccolo qui.



Birba ha tagliato il nastro adesivo per mettere la carta e il cielo con il mio aiuto, ha messo i sassolini per la strada, la paglia nella capanna, la fascina di legna vicino al fuoco, sta diventando proprio baravo, la sua parola d’ordine quest’anno è: “faccio io nonna”. Ha voluto la carta argentata per l’acqua e qui ci siamo aiutatati a vicenda. Praticamente è tutta opera sua tranne la montagna e qualche mia dritta. Lo facciamo ascoltando canzoni alla radio e ogni tanto balliamo, si fa per dire, diciamo che abbiamo saltato, visto che non ho mai frequentato sale da ballo se non da giovanissima.
 Alla fine siamo molto soddisfatti del risultato, bello o brutto, è il nostro presepe, il nostro capolavoro e lo ammiriamo con le lucine accese. Ovviamente Birba ha spento il lampadario della sala “per vedere che effetto che fa”, non so perché ma mi è venuta in mente la canzone di Iannacci, il gattone Cesarone si avvicina  e guarda il nostro capolavoro,  io lo guardo e canto “Vengo anch’io no tu no!” Birba ride, e insieme cantiamo “vengo anch’io no tu no”, facendo no con il dito al gatto che ci guarda seduto ritto sul pavimento scodinzolando. 



Comunque il nostro gattone sarà un micione ma è proprio un tranquillone, così dico al nonno e a Birba:
“Ma sapete che Cesarone è proprio bravo, oggi ho letto in un blog con il nome di una gattina –Myrtilla's house- un pezzo di Patricia Mol intitolato "Frivolesss" scritto il 4 dicembre, dove racconta l’impossibilità di fare il presepe e l’albero di Natale perché la gatta furbetta che ha, distrugge tutto. Il nostro Cesarone sarà un gattone grande e grosso ma  è proprio bravo e buono, più che toccare e rovesciare le statuine al bordo o le palline basse nell’albero di Natale non fa… Adesso che ci penso non ha mai tentato di arrampicarsi sull’albero”.
Mio marito conferma “eee sì, è proprio bravo”.
Nostro nipote la Birba accarezza soddisfatto il suo micione.
Io e il bambino andiamo in bagno a lavarci le mani, lui se le lava velocemente e mi dice: “ti faccio una sorpresa”, e scappa via.
Bah!!! Chi sa cosa starà combinando adesso? Sistemo l’asciugamano vado in sala  e… mio nipote sta dando l’aspirapolvere? Sì proprio così. Lui che per raccogliere i giochi dice sempre “Dopo”!!! E’ lì che aspira diligentemente i rimasugli di paglia… Sbalordita lo guardo e lui mi dice: “ti piace la sorpresa?” il nonno sorride e aggiunge: ”ha voluto farlo lui”.
Ma che bravo cucciolo abbiamo! Nonni gongolanti lodano una Birba gentile, ma che bella sorpresa sta proprio crescendo.
E’ ora di cena e Il ragazzo è già andato a casa con la sua mamma, io apparecchio e… guardo il presepe!!!



Opss!!! Ma, non è che Myrtilla e Cesare si sono telefonati?... O forse il piano più alto è molto più intrigante di un basso scatolone?
“Mai dire mai” perché è proprio la volta buona che succede...


Ora come intitolare questo racconto "La sorpresa" o "Mai dire mai"?

3 commenti:

  1. ahahhahahaahah! E bravo Cesarone!!! E' così che si fa!!!!! Tanto la padrona brontola e poi risistema....
    Io avevo Jerry che dormiva tra San Giuseppe e Maria, Ponpon che mi rubava le palme, Pepe che si divertiva a staccarmi le palline dall'albero.
    Sinceramente cosa farebbe Myrtilla non lo so! Da quando c'è lei non abbiamo più fatto niente, però... però una gattina che va a dormire sulla credenza sotto al tubo della stufa a legna accesa (sul blog ci sono pure le foto).... che dormendo e sognando è cascata proprio dalla credenza.... mah!
    Nel dubbio abbiamo preferito non provare....

    Cesarone è stupendo e, sbaglio o è bello cicciotto? Dalla foto direi che ha la mole di Lilio!
    Ciaooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticato.... potresti intitolarlo "ma guarda se non lo sapevo!"
      ahahahahahahahahahah

      Elimina
    2. Già già hai proprio ragione buon titolo, comunque il mio gattone ha una bella panciona non per nulla lo chiamiamo Cesarone. Ciao ciao dai una grattatina affettuosa ai tuoi amici 4 zampe.

      Elimina