giovedì 30 aprile 2015

PRIMO MAGGIO



PRIMO MAGGIO 


To!!! Ieri vado a fare la spesa e al supermercato vicino a casa, e... alla cassa insieme al resto mi regalano questo libricino... 



"I miei primi PRIMO MAGGIO" scritto da Maurizio Landini e Umberto Romagnoli, con l'intento di spiegare ai bambini cosa si festeggia il primo maggio e perché.
Trascrivo l'ultima parte del libro:

"LA REPUBBLICA ITALIANA
E' UNA REPUBBLICA
FONDATA SUL LAVORO"

SIAMO ALLORA, TUTTI INSIEME,
UNA REPUBBLICA, UNA SOCIETA', UN PAESE,
DI LAVORATRICI E DI LAVORATORI,
DI CITTADINE E DI CITTADINI.

SIAMO CITTADINE E CITTADINI SE SIAMO LAVORATRICI E LAVORATORI, MA VOGLIAMO ESSERE CITTADINE E CITTADINI ANCHE NEL LAVORO.


EPPURE IN TANTI NON LAVORANO.
IN TANTI LAVORANO VENENDO SFRUTTATI.
IN TANTE FANNO LO STESSO LAVORO CHE FANNO I LORO
AMICI E COMPAGNI
MA VENGONO PAGATE MOLTO MENO DI LORO.

IN TANTE E IN TANTI
NON FANNO IL LAVORO
CHE AVEVANO SOGNATO.

E' PER QUESTO, E FORSE PER ALTRO ANCORA,
CHE IL PRIMO MAGGIO STAI A CASA DA SCUOLA;
PER TUTTE QUESTE PERSONE E' FESTA.

PER RINNOVARE IL RICORDO
DI TUTTE LE LAVORATRICI E I LAVORATORI
CHE HANNO AVUTO IL CORAGGIO E LA FORZA
DI LOTTARE PER DIRITTI CHE ORA SONO ANCHE I TUOI,
STAI A CASA DA SCUOLA.

ED E' ANCHE LA TUA FESTA PERCHE'
ANCHE TU AVRAI UN LAVORO E SARAI UNA LAVORATRICE O UN
LAVORATORE.

E' ANCHE LA TUA FESTA PERCHE'
I DIRITTI CHE LORO HANNO OTTENUTO, SARANNO ANCHE I
TUOI, E LI DOVRAI DIFENDERE.

E' ANCHE LA TUA FESTA PERCHE'
MAMMA E PAPA' OGGI NON VANNO AL LAVORO E
STANNO A CASA CON TE.

Il libro è scritto tutto in stampato maiuscolo, in genere è quello che viene insegnato per primo ai bambini, non so se la scelta è stata voluta, ma io nel leggerlo l'ho apprezzato anche per questo.
Chiudo questo post sul PRIMO MAGGIO con una filastrocca di Gianni Rodari

GLI ODORI DEI MESTIERI

Io so gli odori dei mestieri:
di noce moscata sanno i droghieri,
sa d'olio la tuta dell'operaio,
di farina sa il fornaio,
sanno di tera i contadini,
di vernice gli imbianchini, 
sul camice bianco del dottore
di medicina c'è un buon odore.
I fannulloni,strano però, 
non sanno di nulla e puzzano un po'. 

Buon Primo maggio a tutti.

12 commenti:

  1. Questo post è fantastico ... ricordo ancora questa bellissima poesia che io ho studiato ma anche mio figlio ... e sorridendo sto pensando a quale odore possano avere i parlamentari ....gli onorevoli .....i senatori ... una brutta puzza che tutti criticano ma che tutti vorrebbero avere ....chissà perchè ....mi godo questa giornata tra le mie faccende domestiche per non lasciar infruttuosa una giornata poi stasera mi riposerò ... buon primo maggio ... su coraggio
    giusi

    RispondiElimina
  2. Grazie Giusy, sei in pulizie primaverili?!!!...
    Per fortuna grazie al 1° maggio quest'anno ci sono ancora due giorni di riposo prima di tornare alla solita routine...
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la routine per me ricomincia domattina ... di solito sono di riposo solo la domenica ... riposo ... un eufemismo .....

      Elimina
    2. Opss!!! Capisco perfettamente... noi donne non finiamo mai di lavorare, so che è un discorso di parte che da fastidio però e così, anche se tra i giovani qualcosa sta cambiando, Nel lavoro come sottolinea Landini e Romagnoli le donne spesso a parità di mansioni vengono pagate meno dei loro compagni e amici,

      Elimina
  3. Ciao Anna Maria, bellissimo quanto hai riportato.
    Peccato che al momento attuale corrisponda più ad una chimera che alla realtà
    Chi ha lavoro deve tacere e sopportare per mantenerlo, chi non lo ha a volte è talmente scoraggiato che, dicono i giornalisti, nemmeno lo cerca.
    Buona festa del lavoro, sì, ma di quale lavoro?????
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia, tu hai perfettamente ragione, il tuo è un sentimento comune, molti giovani escono dall'Italia in cerca di lavoro, io li ammiro, è la parte di noi che non si arrende, che vuole costruirsi un futuro attivo. Penso, che questo piccolo libro che spiega ai bambini l'importanza della festa del lavoro, con poche frasi salienti faccia riflettere tutti. Oggi nei grandi super mercati si tiene aperto anche per le feste comandate, e si propone di tenere aperto anche la notte, nella speranza di dare più lavoro, ma distruggendo momenti familiari che faticosamente si erano conquistati. Un'altra frase che ho riportato dice:
      Eppure in tanti non hanno lavoro. In tanti lavorano venendo sfruttati.
      Non dobbiamo smettere di ricordare e ricordarci, che cosa sancisce la costituzione, e proprio per questo chiedere a una sol voce lavoro.
      Il problema è che siamo caduti così in basso che per risollevarci ci vorrà molto più tempo, sperando che dall'alto agiscano seriamente per risolverlo. Io non mi aspetto che non ci siano errori, errare è umano, ma mi aspetto. e come cittadina esigo, che ci sia volontà di fare e agire con lealtà. L'unico mezzo che ho è non arrendermi e continuare a parlarne, rompere le scatole... non soccombere nell'apatia.

      Elimina
    2. Non arrendersi! Giusto!
      Soprattutto sarebbe buona anzi ottima cosa dare un calcio a tutti i malcostumi nostrani come le raccomadazioni, i clientelarismi, i nepotismi vari.
      Se si è competenti la parentela o il calcio nel didietro di un politico no dovrebbero servire a farti scavalcare da un incompetente.
      Ma è un problema che dobbiamo affrontare tutti quanti insieme fregandocene dei vari potenti che dicono io ti posso aiutare se.
      In più la nostra politica dovrebbe pensare al mondo del lavoro seriamente,non soltanto parole di fronte alle telecamere.
      E' anche giusta la disponibilità a cambiare lavoro ma deve esserci un altro lavoro in sostituzione di quello vecchio, Non il vuoto che c'è ora. Non la possibilità di licenziare che c'è ora,
      L'articolo 18 è stato buttato nel wc insieme a tutti i sacrifici e le lotte sindacali che era costato.
      Quando in una azienda entra uno che dice se non fate come voglio io chiudo e porto tutto in America... quando dice con te non ci parlo perchè sei di un partito che non mi piace... mi fa pensare che invece di migliorare siamo tornati molto indietro.
      Non siamo noi che dobbiamo ricordarci della Costituzione Italiana. Qualcun altro però la dovrebbe studiare bene!
      Forse è anche chiaro a chi mi riferisco...

      Elimina
    3. Già noi la costituzione ce la ricordiamo e la esigiamo.
      Purtroppo l'articolo 18 è andato perduto, però devo ammettere che a casa mia, nessuno lavora e appartiene alla categoria privilegiata che se ne poteva avvalere, e così era per molta parte del mondo lavoro, a mio avviso era da allargare e non togliere.

      Elimina
    4. Crredi che ia figlia rientrasse? Apprendista impiegata un un ufficio privato?
      E' di graziaa che abbia trovato quello e che siano stati onesti a farle un contratto di 3 anni, quelli previsti dalla legge.
      Il 31 gennaio 2016 vedremo cosa faranno....
      Eh, già! Anche lei appartiene alla categoria dei bamboccioni che a 25 anni vive ancora inn famiglia... se tu mi spieghi come potrebbe fare co 700 euro al mese....

      Elimina
    5. Cara e combattiva Patricia, dispiace che cataloghino così i nostri giovani senza sapere e conoscere come è la vera realtà.
      Auguro di vero cuore che a tua figlia capiti quello che è successo a mia nipote che aveva un contratto cocopro, alla scadenza è stata assunta, perché con la nuova legge è più conveniente.
      Come dici tu siamo tornati molto indietro, e questo mi addolora moltissimo perché penso alle mie figlie, che andranno in pensione tardissimo e con poco.
      Che odore potranno mai avere chi ci ha portato a questo? Non sanno di nulla e puzzano un po'.

      Elimina
  4. Che bel post! E che bella iniziativa! Finalmente un post sul primo maggio che non mi fa venire la tristezza, le immagini di Milano sui giornali sono raccapriccianti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quelle immagini fanno il giro del mondo...
      Tristezza è dir poco, ammazzano la speranza e non dico altro.
      Grazie Lisa, credo sia importante insegnare i veri valori a chi ha ancora occhi innocenti e fiduciosi.

      Elimina