lunedì 4 maggio 2015



COME SI MANGIA UN RISOTTO
A CASA MIA
Non aspettatevi una ricetta

Mio nipote a tavola se ne esce così “sono innocente”.

Scena:
Tutta la famiglia al completo: nonna, nonno, nipote Birba di 5 anni, mamma, papà, zia, bisnonna Uffa di 97 anni.
Tutti sono a tavola con davanti un piatto di risotto fumante.
Bisnonna Uffa comincia a dividere a metà ciò che ha nel piatto, che ci sia poco o molto la sua regola è, mangiarne la metà.
Nonna: Birba stai attento che brucia.
Nonno (che non ascolta mai cosa dice la nonna): Cucciolo stai attento che brucia.
Birba non si preoccupa molto e comincia a schiacciare il riso nel piatto.
Nonna: Io comincio sempre a mangiarlo dall’esterno girandoci attorno, perché è la parte che si raffredda prima.
Zia: anch’io lo mangio così.
Mamma: io quando avevo la tua età invece facevo una croce.
Tutti cominciano a commentare come si mangia e mangiano un risotto, sono così impegnati, in questa interessantissima discussione, che non si preoccupano più di Birba, che può fare, in santa pace quello che vuole con il suo risotto.
Birba, comincia a mangiarlo come faceva da piccola sua madre, con un impegno quasi meticoloso nell’affondare la forchetta nel riso e nello scavare un percorso.
Zia: stai facendo una strada?
Birba: no scavo un tunnel.
Zia: a sììì…
Birba concentrato, continua il suo minuzioso lavoro e  risponde: sto evadendo.
Zia: eee… perché sei in prigione?
Birba: sì, sono innocente.
Nonna, stupita: EVADIII? Sei innocente?
Birba: sì!
(Mio nipote a tavola se ne esce cosìììì?!.... Evade dalla prigione!)
Tutti sorridono.
La nonna non è sicura che sia una bella fantasia… prigione… evasione…
Ma i momenti tranquilli in quella casa, che permettono di rielaborare i dubbi, sono pochi, perché il nipote con la foga di fuggire, ha già attraversato con la forchetta il risotto ma… all’ultima forchettata malefica, gli parte un grumo di riso, che va ad atterrare bello bello, sul groppone del povero e tranquillo gattone Cesarone, che se ne sta seduto sul pavimento vicino al tavolo, in attesa degli agognati croccantini:
un saltone fa il gattone e
 in tondo comincia a girar…
togliersi il riso lui vorrebbe,
ma a quel risotto sul groppone,
non riesce arrivar…

Che fare?...Inutile… la nonna dovrebbe sgridare… ma sta già ridendo insieme a tutta la famiglia, così pulisce il pelo del povero e innocente micione.

Perché mio nipote se ne è uscito con queste parole: Evadere, innocente.  
Questo è l’effetto dei cartoni animati che vede, in questo ultimo periodo, mentre cucino, lui guarda i fratelli DALTON. I protagonisti sono in un penitenziario, e in tutti gli episodi mettono in atto tentativi di fuga catastrofici.
Non sono molto sicura che sia un cartone positivo, si emula dei ladri, dei malfattori, ma le mie figlie sostengono che no, non è negativo, in fondo quando erano piccole lo guardavano anche loro.
Davvero???
Loro in coro: Sììì!
E io ve lo facevo vedere?
La figlia mamma: Sì, c’era il sabato sera, era il cartone con Lucki Luke.
Io nonna: e Luki il personaggio positivo che arrestava sempre i ladri dove è finito?
Mamma: in pensione.

I  fratelli DALTON sono una serie televisiva Franco-canadese a cartoni animati,
La storia si basa sui fratelli Dalton, nemici ricorrenti di Lucki Lucke.
Autore  dei fratelli Dalton con Lucki Luke  è Morris prima apparizione 1958.
Morris è lo pseudonimo di Maurice de Bèvére (1923-2001) fumettista belga.
Nel 1946 ideò il suo personaggio più conosciuto Lucki Lucke.
Nel 1988 gli fu assegnata a Ginevra la medaglia dall'Organizzazione mondiale della sanità per aver sostituito la sigaretta in bocca a Lucky Luke con un filo d’erba.

Ecco un episodio  con Lucky Luke come lo vedevano le mie figlie da piccole
https://www.youtube.com/watch?v=uyXnBtNxGtQ

I Dalton ora

 Non c’è che dire sono simpatici… ma sono positivi?

IL PARERE DELLA PSICOLOGA
Da Fattoremamma network

I DALTON CARTONE BEN FATTO PER I NOSTRI BAMBINI

 Per quanto il tema centrale del cartone sia trovare l’escamotage per evadere dal carcere, e quindi tratti di una morale poco educativa, i Dalton sono un buon prodotto televisivo.
Nonostante la ripetitività degli intenti e la semplicità della trama, il cartone non stanca e - anzi – sembra coinvolgere gli spettatori (generalmente maschi). L’utente, che sia piccolo o adulto, trova un senso di solidarietà nei personaggi che tentano inutilmente di evadere dal penitenziario. Le avventure sono numerose e sempre diverse, così pure le occasioni e i mezzi per attuare il piano giornaliero, come pure il celebre cartone di Willy il coiote, in cui le possibilità di stanare il picchio risultano infruttuose, anche nei Dalton si trovano tali insuccessi e si riscontra una sorta di affinità con gli antagonisti della  storia, come riscatto degli indifesi. Un modo per scaricare la frustrazione e di liberarsi, è il caso di dirlo, dai conflitti e dai pensieri.
Il cartone è dunque piacevole
Francesca Orlando
Psicologa e psicoterapeuta


Poi come se non bastasse Vasco Rossi si mette anche a cantare

SONO INNOCENTE MA...


Ma allora ditemelo… ce la avete tutti con me? Mi siete tutti contro?…

Però… già sorrido pensando alla scena del riso… mai alimento ha avuto nome più appropriato. 

10 commenti:

  1. che ridere la scena del risott ..... mio marito lo schiaccia .....io lo allargo e lo prelevo ai lati .... ma ci scommetto che i bambin lo prendono dal centro ... ho ricordi .... non mi piacciono questi cartoni il primo di Lucky Luke molto più carino ..... preferisco storie più romantiche .....tempi che cambiano ... poi se lo dicono gli studiosi che sono idonei ... si vede comunque il risultato nella nostra società ...... tutto dire ... si vede che adoro il riso??? :)) un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi, io continuo ad avere qualche dubbio sul cartone, anche se le caricature dei personaggi enfatizzino molto i loro difetti e pasticci, per fortuna che con il bel tempo si riduce di molto il tempo x la televisione.
      Un caloroso abbraccio anche a te.

      Elimina
  2. Sempre spiritosi e divertenti i tuoi racconti!
    Un forte abbraccio e buona serata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beatris, felice che tu lo abbia trovato spiritoso, come in effetti speravo risultasse. Grazie anche per il tuo commento gradito.

      Elimina
  3. Forti i bimbi!!!!!
    Sul cartone non so che dirti..... c'è anche chi trova positivo i Simpson... mah!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, con mio nipote la Birba non ci si annoia. Ci sono diversi cartoni discutibili sui canali per bambini, che mia figlia, a ragione non gli fa vedere, uno credo si chiami Acchiappa chiappe, per me questo glielo consente perché è un suo ricordo di quando era piccola, ma il cartone ora è diverso; però, è anche vero che da sempre ci sono figure che piacciono ma sono discutibili, es Lupin è un ladro, ma è un cartone per ragazzi, così come i Simpson è indirizzato verso un pubblico adulto.
      Felice che il racconto ti sia piaciuto :-)

      Elimina
  4. Che bello questo quadro familiare , ma descritto in maniera insolita e libertina..
    Tuo nipote è un fenomeno....
    Ora cercherò disperatamente di trovare sogni di evasioni per riuscire a sentirmi innocente e dormire dopo due anni finalmente....
    Tutta la mia solidarietà a Cesarone!
    A te un bacio super!

    RispondiElimina
  5. Che forte il tuo commento che definisce il racconto libertino, la mia idea era di scriverlo come se fosse una sceneggiatura. Bello sapere le impressioni degli altri.
    Riferirò al mio micione, che ha trovato una amica comprensiva e solidale.
    Cara Nella due anni sono tanti, ti meriti e ti auguro sogni d'oro, innocenti e sereni.

    RispondiElimina
  6. Ahahahaha!!! Mi hai fatto troppo sorridere... sei troppo brava a scrivere i vostri racconti di famiglia... dovresti farne un libro ;D
    Riguardo al cartone non lo conosco... e tralasciando i pareri degli psicologi (che non si offendano ma a volte lasciano il tempo che trovano...), credo che i bambini siano molto molto influenzabili, perciò è sempre difficile comprendere cosa è meglio che guardino o meno. Purtroppo credo che mai come oggi ci siano programmi diseducativi... in ogni caso, secondo me, se hanno una famiglia come la vostra, se hanno una nonna così amorevole e positiva e con san valori... beh, non potranno che crescere nel modo migliore ♥
    Un abbraccio grande grande grande ♥

    RispondiElimina
  7. Ciao Vivy, rido ancora al ricordo della sua faccina seria mentre rispondeva, sono innocente :-D
    Tutti mi dicono che c'è di peggio, effettivamente, i maschietti sono attratti tutti dai cartoni con combattimenti tra robot, forse è meglio questo.
    A presto carissima amica.

    RispondiElimina