lunedì 25 maggio 2015

UNA SCENEGGIATA DI CASA MIA



UNA SCENEGGIATA DI CASA MIA
25 maggio 2015
            
  Gli auguri quando sono sinceri si accettano sempre volentieri, anche se in ritardo.
Ore 7,45 mia figlia e mio nipote sono passati prima di andare a scuola per lasciare lo zaino contenente la roba per il Basket, oggi pomeriggio dopo la scuola lo dovrò portare io.
La bisnonna Uffa (chi mi legge, sa che questo soprannome buffo ma affettuoso, appartiene alla mia mamma di 97 anni, perché dice spessissimissimo Uffa) sentendo il trambusto si sveglia di buon umore e al mio «Buon giorno»,
risponde sorridendo: «Buona Pasqua».
la guardo interdetta... non è certo Pasqua.  
Il mio curioso nipotino di 5 anni, che mi ha seguita, si affaccia sulla porta della camera con gli occhi che già ridono  e chiede meravigliato: «Coosa ha detto?!»
Io interdetta: «Buona Pasqua!»
Lui mi guarda e sorridendo si avvicina ripetendo con ironia: -BUONA PASQUAAA?!!- e si appoggia al bordo del letto salutandola con un allegro:
«Ciao nonna Ida» lei gli allunga la mano per stringerla in un saluto molto formale, lui grande come un soldo di cacio, la prende indirizzandomi uno sguardo perplesso ma sempre con quel sorriso interrogativo ma furbetto, che da poco gli appartiene, mentre lei compunta ripete:
«Buona Pasqua»… Che dire?!!...
 Non sono riuscita a Pasqua a farle comprendere cosa si festeggiava che ogni due secondi chiedeva:
«Perché ci sono tutti? Che festa è?» E ora dopo quasi due mesi se ne esce così?!!
Mio nipote la Birba ora ride proprio, e ribatte:
«Ma non è Pasqua!!!»
lei: «Dov'è che vai?»
lui: «A scuola»
lei: «A casa?»
Lui: «No a scuola»
Lei: «La scala?»
Lui urla forte ridendo:
«Nooo a scuolaaaa!»
Bé il minimo che potevamo fare era: ridere, ridere, ridere con le lacrime agli occhi.
Mia figlia arriva veloce a recuperare il pargolo, la tabella di marcia mattutina va rigorosamente rispettata se non vuole arrivare in ritardo a lavorare, ma… si blocca, e vedendoci, ci chiede stupita: 
«Che cosa avete voi due da ridere così?»
Cosa mai potevo fare o dire?  Potevo perdermi una occasione così? No di certo, le auguro dandole la mano compunta:
«Buona Pasqua».
Lei mi guarda sempre più incredula,  la sua espressione non mente è proprio quella di chi crede che la madre sia fuori come un balcone e… cosa mai poteva fare mio nipote la Birba… ma ridere… ridere… ridere… e io pure.
             Sto ancora ridendo!!!
            Dovevo correggere e postare un’altra cosa ma questa la dovevo proprio  scrivere, la settimana è cominciata allegramente bene.


Buon inizio settimana a tutti 
^__^

19 commenti:

  1. spaccato di vita divertente ... quando lo è ...in questi casi ... Hai letto Piccolissimo di Amurri ?? quando ho voglia di ridere lo prendo in mano e lo ripasso come non lo sapessi a meoria .... farò così con te ....apro da te e mi tiro su il morale ...mia madre non riesce a parlare causa ictus .... ma ieri abbiamo cantato tutto il giorno e lei non parla ma canta ... quasi tutto il pomeriggio Anima mia ...Romagna mia ... non ho l'età ... volare .... sei bellissima ... non so i vicini che avranno pensato ...chi se ne frega .... intanto lei è stata bene ... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusi, leggo che anche tu fai parte come me del numeroso popolo della terra di mezzo, non sono giovani e neanche vecchi. e hanno il compito di assistere gli anziani. Il compito è arduo e non sempre divertente, perciò in questa battaglia persa qualsiasi mezzo è lecito, al diavolo i vicini... W il canto.
      Il libro non l'ho letto ma -giurin giuretto- che lo vado a comperare.
      Un forte abbraccio ^__^

      Elimina
    2. è vecchissimo ....se non lo trovi te lo scansiono tutto ... giurin giuretto .. la prima volta l'ho letto che avevo a 16 anni... tutto in una notte ... e in famiglia mi volevano picchiare perchè mi sentivano ridere e loro non riuscivano a dormire ...ecche ci vuoi fà non tutti apprezzano il lato comico.........io ho un altro lavoro purtroppo il peso grava su mia sorella che vive con lei...per questo le domeniche le passo da loro.... non riuscirei a rilassarmi , a vivere, a pensare ... lontano da quel nido .... e durante la settimana il mio pensiero è sempre là ... e si invecchia il doppio :))

      Elimina
    3. Grazie, per il pensiero del libro sei un'amore. Ciao forte e tenera Giusi, "Ciò che conta non è fare molto, ma mettere molto amore in ciò che fai" è una frase di Madre Teresa di Calcutta. Non serve angustiarsi, si fa quel che si può, conta l'amore e tu ne hai il cuore pieno. :))

      Elimina
  2. Buona Pasqua Anna Maria! :°D
    Ché sarebbe sempre bello stare così allegri!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao Alessia che piacere vederti qui! Buona e felice Pasqua anche a te ^__^
      Magari si riuscisse sempre sdrammatizzare le situazioni pesanti o tristi! Però quando capita è giusto goderne appieno, questa mattina chi mi ha indotto a continuare la sceneggiata è stata l'espressione furbetta e divertita di mio nipote ^__^ e una bisnonna Uffa molto confusa, che però nella sua confusione era anche molto buffa ^__^

      Elimina
  3. Ridere è una delle cose più positive che ci possono capitare e migliora notevolmente il nostro tenore vitale...
    Mi capita sempre più raramente e pensare che avevo sempre il riso a portata di mano..
    Si cambia, in peggio in meglio..chissà..
    Evviva nonna Uffa e tutta la tua bella famiglia, compreso te s'intende!
    Ridiamo insieme++++++

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella la vita è più in salita che in discesa, bisogna fare il pieno di allegria in quei pochi momenti che ti capitano a tiro, non sempre però siamo pronti a ricevere la carica. Vado a yoga e chi ci fa fare gli esercizi nel momento del rilassamento ad occhi chiusi ci suggerisce di sorridere e di farlo anche con gli occhi. Bé quando esco un po' rilassata lo sono, mantenere poi questo stato di grazia è tutt'altro paio di maniche.

      Elimina
  4. Ahahahaha! Questa nonna Uffa è proprio una forza... come lo sei tu ogni volta che scrivi le vostre vicende... un giorno ne dovrai fare un libro ;)
    Ah... anche se in ritardo, finalmente ti ho ringraziata sul mio blog! ;D
    Un grande abbraccione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si adesso la mia mamma, è proprio buffa, oggi sono un po' in crisi, ho chiesto 15 gg di sollievo per poter andare un po' al mare con mio nipote. E' la prima volta che lo faccio, ma tenerla a casa con una persona che la accudisca sta diventando una grande responsabilità, a causa dell'età sviene sempre più spesso è il dottore ci ha suggerito questa soluzione. L'ho portata questa mattina perché parto sabato, lei è serena e abbiamo deciso assieme cosa portare. Nella valigia ovviamente non potavano mancare: le collane i braccialetti (tutta bigiotteria da poco) il rossetto, le sciarpe leggere coloratissime ecc. Le abbiamo detto che deve fare fisioterapia,.. Tutti i giorni ci andranno le mie figlie, però questa sera mi sembra strana la casa senza lei e mi sento in colpa.
      Grazie Vivi per il post sei una forza della natura.

      Elimina
    2. Guarda... non ti devi sentire in colpa... noi abbiamo bisogni di staccare, di respirare, non è egoismo, è "amor proprio". Darsi completamente, senza mai ricaricare le batterie, non ci lascia più nulla da dare agli altri, se non magari "negatività" perciò hai fatto più che bene. Ti dico questo perchè ho vissuto una cosa simile con mia mamma molti anni fa, mi sono sentita in colpa, egoista... ma poi ho compreso che sono umana e che avevo solo bisogno di respirare di nuovo per poter essere di un qualche aiuto di nuovo, e tu sei migliore di me, molto, perciò stai serena, qualunque cosa accada, tua mamma sa e saprà, quanto amore hai per lei e questo è ciò che conta, fidati ♥ Goditi il mare con tuo nipote, e affida i tuoi pensieri al Signore, Colui che può portare pace nel tuo cuore e protezione per la tua mamma e la tua famiglia. Siete sempre nelle nostre preghiere ♥

      Elimina
    3. Grazie Super Vivi, ho una mamma spettacolare, oggi l'ho vista serena e contenta, mi ha risollevato il morale è più forte lei di me. Grazie per il pensiero nelle vostre preghiere. Un mondo di baci

      Elimina
  5. hahaha che buffa la bisnonna Uffa :D
    Grazie mi hai rallegrato la giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lisa, sono felice che ti abbia fatto ridere questo episodio, ce ne sarebbero altri da scrivere e tante altre cose che ho in bozza, ma ultimamente non ho avuto tempo e quando mi mettevo al computer. mi perdevo a leggere la storia a puntate dei biscotti Italiani indigesti, per capire se è una cosa che riguarda anche il mio minuscolo blog, un po' sono super convinte di no, poi leggi che molti sono così super preoccupati, che tutta questa cosa mi ha tolto la voglia di scrivere qui. Vado a ricaricare un po' le pile al mare (sperando che la mamma si trovi bene dove l'ho portata oggi, la struttura e il personale mi sono piaciuti) poi quando torno prometto che riscriverò qui. Baci baci baci

      Elimina
  6. quasi mi perdevo questo spaccato di vita....
    Simpaticissima la bisnonna Uffa...
    ahh buona pasqua a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kly, buona Pasqua anche a te, tornando dalla mia vacanza vedo con piacere che sei passata da qui.

      Elimina
    2. Ciao Kly, buona Pasqua anche a te, tornando dalla mia vacanza vedo con piacere che sei passata da qui.

      Elimina
  7. A volte la vita regala gli spunti migliori per le riflessioni del giorno.
    Un sorriso per la nuova settimana.
    ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passato di qua e per il gradito augurio che contraccambio, un sorriso alleggerisce la quotidianità. ^__^

      Elimina