lunedì 1 febbraio 2016

1- PICCOLA STREGA


1- PICCOLA STREGA

Piccola Strega è un personaggio che mi ha suggerito una frase di Patricia Moll pubblicata in ottobre. Nel suo blog Myrtilla'shouse il 20 di ogni mese, pubblica un incipit. E' un gioco che mi diverte e a cui partecipo. 
Questo personaggio però non vuole soccombere e continua a mandarmi segnale e ispirazioni che stanno via, via prendendo forma.
 Patricia con le sue frasi ha fotto sì, che la storia di Piccola Strega si sia arricchita e abbia preso il volo. Così con il suo permesso, ho pensato di creare una etichetta apposita solo per Piccola strega e la sua storia.  
Nella mia fantasia ha già preso forma e trama.
A tal fine ho ritenuto opportuno postare dall'inizio la storia. 
Le frasi di Patricia saranno sempre segnalate ed evidenziate in verde.

Primo episodio


IL MONDO ALLA ROVESCIA

Quando l’ultimo sole tramontò ad est e la prima luna sorse ad ovest col suo tutù fatto di nuvole gialle, finalmente si alzò. Si stirò. Era ora di muoversi.
Abitante della notte, si muoveva a suo agio nell'oscurità.
Ma nel suo mondo era sempre così. Tutto al contrario.
Troppo facile altrimenti. (frase di Patricia Moll)



Sera, Luna, Notte, Moonlight, Donna, Silhouette
immagine presa dal web

La piccola e vecchia strega uscì dall'antro per danzare al chiarore di quella pallida e velata luna.
Chissà quando gli Umani avevano cominciato a chiamarla Piccola strega?
Non se lo ricordava più.
Troppe lune erano passate, senza che i suoi occhi fossero feriti dalla luce del sole.
Non crediate che Piccola strega facesse una vita ritirata, al contrario, gli animali notturni erano i suoi amici, e vi posso garantire che la notte è animata, e  non certo solo da gufi e pipistrelli.
E poi, che cosa ha mai la gente contro questi animaletti simpatici, ma lo avevano mai visto da vicino un pipistrello con la sua pelliccia morbida e gli occhietti vispi e tondi?
Pregiudizi, solo pregiudizi senza sapere, senza conoscere. Se non ci fossero loro saremmo pieni di zanzare e insetti. Gli Uomini vogliono un mondo pieno di sgradevoli zanzare? Chi li capisce quelli, era nata in mezzo a loro ma spesso non li capiva.
Diversa, era una diversa, ma diversa da chi? Al mondo non esiste  un essere vivente uguale ad un'altro.
Aveva sempre vissuto in un antro buio, volando di notte tenendosi stretta a lui, Lingua di fuoco.
Il drago con la lingua di fuoco che aveva assalito il suo villaggio, l’aveva portata con se nella sua tana.
Perché l’avesse risparmiata non lo aveva mai capito, era troppo piccola, forse per lui era solo un giocattolo un cucciolo che gattonava e lo divertiva e nulla più.
How to Train your Dragon by krissy
Ma anche quel lucertolone che appena si muoveva con la sua enorme coda combinava danni aveva un cuore, e quella cosetta piccola e buffa senza scaglie, che rideva e strillava per un non nulla, a poco a poco lo conquistò.
Lei entrò a scaldare quel vecchio cuore indurito dagli Uomini che avevano distrutto il suo nido, con il suo unico e prezioso uovo, mentre lui cercava cibo.
I draghi della sua specie fanno un solo uovo verso la fine della loro vita. A Lingua di fuoco restavano si e no 50 o 60 anni di vita.
Rabbia dolore e disperazione esplosero in lui, facendolo scendere infuriato e furente dalla sassosa montagna Proibita, verso quel villaggio adagiato sulle sponde del lago Trasparente, per poi nascondersi in quell'antro buio nella parete rocciosa della montagna Proibita.
Ne è passata di acqua sotto i ponti fino al lago e quella bambina ora è invecchiata.
Il suo drago non c’è più.
Giace nel riposo eterno sul fondo del lago Trasparente e tra le onde le sue scaglie luccicano al chiarore della luna.

Immagini prese dal web 

9 commenti:

  1. Ma che meraviglia..sai che mi sento un po' parente di questa "Piccola strega" amante degli uccelli notturni, dei draghi , della tenerezza nel ricordare il suo drago che ora giace nel lago dorato..
    Perchè non ne fai un libro amorevole..?!
    Fammelo sapere , se decidessi...
    Bacio magico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella sarà un libro in costruzione, nella mia mente esiste già una trama.
      Proprio per questo sto pubblicando quello che già è stato scritto, per continuare qui sul blog il seguito.
      Potrà essere collegato ai racconti di Patricia, oppure no.
      Il quarto episodio che ho già scritto e che entro la settimana metterò, non è collegato al gioco: Insieme raccontiamo.
      Baci bacioni

      Elimina
  2. è stato un amore fin da subito il tuo racconto.... che belle immagini ai trovato ...veramente bello sta diventando una bellissima favola ... e pensa io adoro streghette e draghi come farebbe a non piacermi ??... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai hai hai ....mi è rimasta appiccicata l'acca sulla tastiera ma giuro che lo so la formula di quando serve l'acca oppure no ...maestra non mi metta in castigo ....

      Elimina
    2. Guarda che spesso questa ex maestra dell'infanzia, lascia spesso le h nei tasti o appaiono dove non dovrebbero.
      Demenza senile ;)

      Elimina
  3. Sempre bello leggerti, i tuoi racconti sono sempre pieni di sorprese, hai una carica di grande fantasia!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio cara Beatris, ma qui c'è anche lo zampino di Patricia che mi ha ispirato.
      Un abbraccione.

      Elimina
  4. Bellissimo... mi ha fatto venire la pelle d'oca... ora corro a leggere il seguito ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, per ora ho scritto solo 4 episodi, il quinto è in via di elaborazione ^___^

      Elimina