lunedì 8 febbraio 2016

5- PICCOLA STREGA


PICCOLA STREGA
Quinto episodio

LA COMPAGNIA 
DEL 
THE AL GELSOMINO




 "A violenza si risponde con violenza, e lui cerca questo. Lui ama la bruttura, il male. Facendo così, faremmo il suo gioco."  disse decisa Piccola strega " Non ci servono armi. Non daremo nessuna informazione. Meno sanno tutti, meglio è per noi. Non faremo nessuna riunione, perché noi siamo quattro semplici donne che domani si dirigeranno al mercato di Ponzio."
«Ma così ci allontaniamo dalla costa», Peperina era proprio perplessa, ma Piccola Strega continuò:
«Dobbiamo confondere, depistare, tutti crederanno che contro il Signore Oscuro non si può fare nulla e speriamo lo creda anche lui. Da Ponzio prenderemo il bosco di Faggio, e ci dirigeremo al villaggio dei pescatori di vongole».
Persino Lucilla era incredula:«Ma è lontano! Arriveremo tra due giorni! Non ha senso!» Tranquillina si appoggiò allo schienale della seggiola, cominciava a capire, mentre Piccola Strega rispondeva:«Appunto! Conto su questo».
Così si formò la Compagnia del The al gelsomino, formata da Piccola Strega e Tranquillina che non erano più giovanissime, e le ragazze Lucilla e Peperina.
Piccola Strega non aveva mai saputo quanti anni aveva, ma  si riteneva vecchia di esperienze vissute e  Tranquillina, vice sindaco di Trasparentia, con la sua calma la rassicurava, le ragazze erano da tenere un po’ a freno ma avevano, il vigore e la spensieratezza della gioventù. A Piccola strega, sembrava una compagnia ben assortita.
Il giorno dopo, un vecchio carretto trainato da un asino con quattro donne a bordo, si fermò davanti al comune di Trasparentia.
Trasquillina, avvisò il sindaco Perfettini che si sarebbe presa una vacanza di una settimana, per festeggiare il suo quarantesimo compleanno. Il sindaco le fece gli auguri e si raccomandò di usare prudenza nel recarsi al mercato di Ponzio, ma già che vi  si recava, chiese di acquistare un po’ del loro famoso zafferano. Poi, l’accompagno fuori per un ultimo saluto e quando vide  chi c’era sul carretto fu:
prima sorpreso,
poi sconcertato,
poi deluso.
Tranquillina, nel salire sul carretto, si raccomandò di installare degli abbeveratoi nel Bosco Frondoso e Sulla Montagna Sassosa, per cercare di arginare il diffondersi della rabbia, negli  animali selvatici.
«Cooosaaa!!!» Fu la risposta dello stupito sindaco, «e dove lo prendiamo tutto questo the?»
«Dio vede e provvede.» rispose Piccola Strega «Allungate il vostro the e aiutate anche gli animali, non è saggio avere bestie con la rabbia attorno a casa. Quando torneremo dalla nostra gita, penseremo a come rifornire il paese di the».
«Se non sarà troppo tardi!» Fu la sconcertata risposta.
«Abbiate fiducia, con calma tutto si sistemerà. Ora per il bene del paese è importante arginare un po’ l’epidemia».
Il sentimento del sindaco non era più così benevolo nei confronti di Tranquillina e delle sue scriteriate compagne. Nel momento del bisogno, si può benissimo saltare un festeggiamento di compleanno!
Questo sentimento serpeggiò anche nel paese, mano a mano che il carretto passava, dirigendosi chiaramente verso l’entroterra.
Ma dove vanno!
Ma Piccola Strega non era già partita?
Le donne!
Pensano solo al mercato!
Chi era stata vista fino al giorno prima come persona coscienziosa e saggia, venne giudicata egoista e senza cervello. Piccola Strega poi, era sempre stata strana. Certo che quelle due scriteriate donne, esercitavano su quelle povere e giovani ragazze, una influenza decisamente negativa.
Depistare e non alimentare false  speranze, era il piano della Compagnia del the al gelsomino e, dal sentimento comune che serpeggiava, ci stavano riuscendo alquanto bene.
In paese fu indetta una assemblea aperta, a tutti, All'unanimità, si decise di preparare velocemente una spedizione di valorosi che avrebbero portato a casa il prezioso liquido salva vita. Occorreva attraversare l’oceano con la nave più potente e veloce possibile, non avrebbero badato a spese e soprattutto si sarebbero armati fino hai denti.
Nel frattempo bisognava razionare il the e saggiamente, per fortuna, si decise di mettere due abbeveratoi nel Bosco Frondoso, e due nella Montagna Sassosa.  
Inconsapevolmente, gli abitanti di Trasparentia contribuirono a depistare il Signore Oscuro.

15 commenti:

  1. la tua favola ha preso il via e ora chi ti ferma più....certo che hai una fantasia ....sembriamo noi due quando andiamo in giro ....mai andate?? beh io immagino sia così ....devo capire dove mi porti a comprare lo zafferano ....ovunque sia ... ci vengo .... bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha... cara Giusi mi hai fatto venire in mente un episodio di questa estate. In montagna dove ho la casa, sono solita fare una camminata veloce di un'ora, in una pista dove c'è chi corre e chi passeggia.
      Io e una mia amica parlavamo camminando a passo veloce. Davanti a noi c'era un signore che passeggiava tranquillo con un cane. Quando gli siamo arrivati alle spalle, stavo parlando io. Lui si gira e dice "Site ammirevoli, ne avete di fiato! Io non ce la farei a parlare e camminare cosi".
      Ci siamo messe a ridere, ridere, ridere. Evidentemente presa dalla foga del ritmo sostenuto parlavo un tantinello forte. La mia amica, però ha risposto a tono "e sì ci vuole allenamento!". Ahahahah... abbiamo finito il giro ridendo.
      Mi sa che con te sarebbe una bella gara a farci stare zitte. ;-)

      Elimina
  2. Rinnovo i miei complimenti.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
  3. Lo dicevo che eravamo prossimi all'azione! *__*
    Ciao Anna Maria alla prossima puntata ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Glò, mi sono unita a questo gruppetto di donne e sto andando al mercato con loro ;-)

      Elimina
  4. Ciao Anna Maria davvero carinissimo il tuo post
    Purtroppo ho davvero poco tempo e ne ho potuto leggere solo un pochino stò ancora sistemando il mio Mac.
    Buona giornata a te e migliore Fine Settimana in arrivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon lavoro cara Arwen, ti aspetto con il tuo nuovo blog.
      Buon e sereno fine settimana ^___^

      Elimina
  5. Ahahahah!! Appena ho letto il titolo mi è subito venuto da sorridere! La compagnia del tè al gelsomino ahahaha!! Il tuo spirito è contagioso e la storia si fa intrigante! :D Bravissima Anna Maria ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vivy , ma secondo te dove andavo a parare? Ma lì.
      Noncelapossofare a lasciare in pace Tolkien ^__^

      Elimina
    2. Eh lo capisco... Tolkien è magico! ;D

      Elimina
  6. Passata per augurarti Buona domenica
    Quale è il tuo nuovo blog ? Mandami link in google + che passo a dare una occhiata
    A presto e grazie delle visita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per essere passata, ma c'è stato un malinteso, non ho aperto nessun nuovo blog.
      Buna e serena settimana ^__^

      Elimina