lunedì 7 marzo 2016

Si potrebbe andare tutti quanti a Lucca.

#Ispirazioniandaco
#Viaggio

VIAGGIO

Ognuno fa viaggi come può e dove può, e non sto parlando di viaggi interiori o percorsi di vita, ma di viaggi reali. 
Se potessi credo che sarei una viaggiatrice seriale, ma impegni affettivi mi tengono legata ad una briglia molto corta, ovviamente la briglia è una scelta di vita. Appartengo a quella numerosa schiera che dà priorità agli affetti, per cui diciamo che sono una utopica viaggiatrice seriale, che non ha ancora messo da parte questo sogno e, che prima o poi tornerà ad esplorare terre e popoli lontani, con i loro usi costumi e culture.
Per ora mi accontento di giri vicini, di una giornata. Per poterli fare, occorre una super organizzazione, perché in casa c'è una giovinetta, e non scherzo quando parlo di giovinetta, perché spesso crede di essere più giovane di me che, giovane non sono più di certo. La ragazza in questione ha 98 anni è su una sedia a rotelle ed è, la mia mamma. Tutti in casa la chiamiamo Bisnonna Uffa, perché lo dice in continuazione.
Giovedì 4 marzo, è stato uno di questi giorni, programmato per tempo, sistemata la bisnonna Uffa, concordato il ritiro da scuola del nipotino dalla sua genitrice, io e la mia dolce a volte scorbutica metà brontolona, decidiamo di partire all'avventura.
Mi alzo la mattina cantando, mentre tirò su le tapparelle:
Si potrebbe andare tutti quanti a Lucca!
Vengo anch'io?
No tu no!
Vengo anch'io?
No tu no!
Opss!!!
Tempo da lupi!
L'agognata partenza mattiniera si presenta tempestosa e ventosa.
Che fare, andare o stare?
Andare, andare! Con scarponcini, sciarpe, guanti ed ombrelli, patiamo felici all'avventura, nulla ci può fermare.
La nostra meta, come avrete capito è Lucca, io sono di Bologna, perciò non parliamo di una grande distanza, sono circa 160 Km.
Perché Lucca? Perché non ci siamo mai stati e poi tutte le estati guardando la stretta gola che c'è davanti alla casa montana, che era di mia suocera, diciamo: "Là c'è Lucca".
Così finalmente ci siamo decisi a visitare questa cittadina immaginaria che era solo là in quel orizzonte lontano.


Finalmente è giunto il momento, sarà per questo che il tempo ci rema contro?
Imbocchiamo felici l'autostrada A1 e, per la prima volta facciamo il nuovo tratto della variante di valico e, sorpresa sorpresa, usciamo da un tunnel scoprendo che la pioggia si è tramutata in neve.
Imperterriti i viaggiatori seriali, con voglia di esplorare il nuovo mondo proseguono e, vengono premiati da un cielo grigio ma non piovoso a Lucca.
Dopo un buon caffè ristoratore, ecco qua la copia di viaggiatori felici.
  
  

La giornata è stata gradevolmente piacevole e Lucca è una vera chicca.
E' circondata totalmente da mura rinascimentali, su cui si può passeggiare a piedi o in bicicletta.





Sulle mura un po' di sole ci ha premiato.
Ci siamo persi e incantati nelle varie stradine della piccola città, nelle foto qui sotto non guardate i lavori in corso, ma la torre in fondo con sopra gli alberi.


Il vicolo è stretto e la foto non è un granché.


E' Torre Guinigi, appartenuta alla famiglia omonima, facoltosi mercanti Lucchesi del XIV sec., che impiantarono sulla sommità a mt. 45, alcuni alberi secolari, lecci che tuttora sono lì.
Nel nostro girovagare, non poteva mancare un ricordo per la mia Birba di nipotino, di sei anni, in uno dei vecchi negozi del centro.




Come non farsi conquistati da armature, spade, sciabile, fionde, balestre...
Ecco che spunta dalla mia borsa un arco avvolto nella carta, con tanto di frecce piumate.


La cittadina è piena di chiese da visitare, questa è la chiesa di San Michele in Foro in stile romanico (XI-XIV sec.) in marmo bianco, ha la statua dell'arcangelo Michele sulla sommità della facciata.


Questo è quello che ho potuto fotografare dell'interno.



Questa invece è la Chiesa di San Giustino.


Al suo interno ho trovato nel pavimento questa cosa curiosa:


La navata


Usciti, abbiamo seguito curiosi un gattino dal collare rosso che sembrava dicesse seguitemi seguitemi, e abbiamo scoperto era  un guardiano di libri.


Ha questo punto la fame ha cominciato a farsi sentire e la nostra curiosità si è rivolta altrove. L'esterno di questa osteria ci ha molto incuriosito.


Ma girando lo sguardo siamo stati colpiti da questo scorcio.


Non abbiamo resistito e siamo entrati,


E' Piazza Anfiteatro, antico Anfiteatro Romano, realizzato nel II sec. D.C. dal console Quinto Vibio, con quattro archi di entrata circondata da localini carini. Così in uno di essi ci siamo fermati a rifocillarci, e guardate un po' che cosa ho scovato in una mensola vicino al nostro tavolo:



Non vi so proprio dire se "Urlo di lupo" è un vino che merita oppure no, ma il suo nome mi ha decisamente fatto sorridere.
Riempita la panza da qui siamo usciti.


Per continuare il nostro giro



Questa è la Basilica di San Ferdinando, romanica,(XI sec.), nella sua facciata c'è uno splendido mosaico in stile Bizantino, opera del XII sec. di Berlighieri.



Ultima ad essere visitata questa chicca tutta merlettata.


E'il Duomo di San Martino consacrata cattedrale nell'VIII sec. venne ricostruita nell'XI sec. in stile romanico.

All'esterno ci sono incisioni del Pisano


All'interno una bellissima scultura in marmo di Ilaria del Carretto, moglie di Paolo Giunigi signore di Lucca, realizzata da Jacopo della Quercia nel 1407 che non vi posso mostrare perché è severamente vietato fotografare.
Poi un ultimo caffè, e il ritorno verso casa, felici e rilassati con le pile belle carichi di serotonina.

E dopo questa sfilza di foto, vi saluto sperando che il post non vi abbia tediato troppo, e se lo è stato per lo meno potrebbe esservi utile come sonnifero.

Questo post partecipa al tema di questo mese di:
.



23 commenti:

  1. A me hai tutt'altro che tediato, mi hai anzi evocato un pizzico di nostalgia. Quasi tutti i luoghi che hai (molto ben) fotografato li ho percorsi varie volte in passato. Adesso sono in pausa viaggi e vado ormai solo al mare e in (bassa) montagna in primavera ed estate.
    Simpaticissima la storia del gatto guardiano di libri. In effetti, a guardar bene, ha l'aria di essere un po' un intellettuale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è la ladra di libri e... il gatto guardiano di libri ;)))
      Lucca è proprio carina.

      Elimina
  2. Che meraviglia Anna il tuo viaggio ... splendido tuo marito ... il mio avrebbe brontolato tutto il giorno e sopratutto avrebbe rinunciato subito visto il brutto tempo e rimandato ad altra data da destinarsi come tutte le altre ....quando si visita una città si intraprende un viaggio , si portano con sè tutti gli affetti e tutti gli amici amici ... tutto quanto ... e il viaggio diventa quasi una dedica d'amore ... grazie l'ho gradito tanto questo viaggio ... e sarebbe piaciuto tanto anche a me la balestra .... adoro queste città medievali ricche di fascino ...e storia ... e quella data a parte l'anno è la data più importante per me .... che stranezza .... grazie di questo viaggio con te con Voi ... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giusi ti avrei portato proprio volentieri con me, sai quante chiacchere? Avremmo intontito i mariti.
      Tanti Auguri, per chi sai tu ^___^

      Elimina
  3. Bellissimo reportage del tuo viaggio. hai visto quante chiese ci sono a Lucca? Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Verbena, che piacere vederti qui, ma sei di Lucca?
      Di chiese in effetti ce ne sono veramente tante.

      Elimina
  4. Direi anzi dico che hai fatto un bellissimo rendiconto di una giornata spensierata con la tua metà. Complimenti cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie farfallina Anna, infatti lo è stata, ma se non fosse stato per il tema del mese delle terribili comari, la giornata sarebbe restata nel privato.
      Buona e serena giornata.

      Elimina
  5. Ciao Anna Maria, mi hai fatto tornare indietro nel tempo, a tredici anni or sono, quando sono stata a Lucca, una delle cittadine più caratteristiche che ho visitato, per via delle mura che la circondano. E, sarà strano, ma proprio a Lucca ho mangiato le migliori olive ascolane che abbia mai assaggiato!! Grazie per questo bellissimo resoconto.
    A presto. Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Meris, felice che questa mia giornata di stacco ti abbia portato ricordi positivi, ma sai che anch'io come antipasto ho mangiato le olive ascolane.
      Siamo sorelle di OLIVE ;))))

      Elimina
    2. Siii!!!! :-)))
      Ciao sorella!!! <3

      Elimina
  6. Sai che io adoro Lucca ,è una città che mi intriga in maniera particolare e famoso è stato il mio pianto dirotto nell'ammirare la beltà di Ilaria del carretto morta con il suo cagnone ai piedi..Che splendore..Grazie di avermici portato ancora una volta..
    Bacissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me ha colpito molto il cane ai suoi piedi, era una gran bella donna, da quel che ho letto deve essere morta dando alla luce la secondogenita.
      Un bacio anche a te

      Elimina
  7. Che bel viaggio! Rivedere la passeggiata sulle mura mi ha fatto ritornare indietro nel tempo, in effetti ci sono stata solo un pomeriggio con il mio attuale marito quando eravamo ancora fidanzati e lui era paracadutista a Pisa. E' stato emozionante questo post per me. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero le mura offrono una bella passeggiata, felice di averti fatto rivivere un bel ricordo.

      Elimina
  8. Ciao Anna Maria.
    Mia figlia è stata a Lucca l'estate scorsa (Pisa, Pistoia, Livorno e Lucca) e se ne è innamorata!
    Peste e corna di Pisa ma di Lucca... no!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Pisa ci sono stata da piccola, e fuori che la torre non ricordo altro. Firenze e i paesini della toscana non mi hanno mai deluso, ora c'è anche Lucca che non è più per me una fantomatica cittadina.
      un abbraccio.

      Elimina
  9. Ciao
    belle fotografie, veramente un bel posto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, per essere passata da qui.
      l'Italia è piena di luoghi bellissimi.
      Felice e serena settimana.

      Elimina
  10. Un bel giro in quel di Lucca eh...e non vi siete fatti mancare proprio nulla!!! Bello quando le città si lasciano scoprire da sole a poco a poco...e tu nel tuo racconto ci hai portato un pò a spasso con te in questo tour fotografico!
    Grazie per questo viaggio e a presto <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao pinkg, come hai letto i miei viaggi sono centellinati e vicini, ma quando riusciamo ad organizzarci ce li godiamo tutti. Vi ho portato volentieri a spasso con me ^___^

      Elimina
  11. Anzitutto ..... ma che bella che sei Anna Maria ... adesso che ti vedo tutta intera ... ti immaginavo tutta diversa!!!
    Poi, davvero, il post non è stato per nulla noioso: una splendida full immersion.
    Lucca: ci sono stata tanti anni fa e molte delle cose che hai descritto me le ricordo. Davvero un bel centrino!!!
    In generale ... non occorre fare viaggi dall'altro capo del mondo ... anche una gita di una giornata può essere un viaggio a tutti gli effetti. Dipende da come la si affronta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica, la foto è piccola e inganna un po',perché bella non son mai stata neppur da giovane, ho un nasone imponente, però è mio e me lo tengo ^__^
      Grazie per essere passata e per la condivisione.
      Baci bacioni.

      Elimina