mercoledì 4 gennaio 2017

INSIEME RACCONTIAMO 16



Sono stata assente 4 mesi ma non mi sono scordata degli amici che ho conosciuto tramite il blog.
Mi siete mancati perché siete tutti fonte di idee e spunti.
Patricia Mol con INSIEME RACCONTIAMO è una di queste.
Il suo gioco prosegue imperterrito sfidando il tempo e gli inghippi della vita ed è arrivato alla sua 16a puntata.
Per le regole del gioco andate al blog Myrtilla'shouse
Il termine ultimo per partecipare è il 6 gennaio 2017.  


L'incipit che Patricia, questo mese mi ha suggerito un  racconto davvero triste e me ne dispiaccio, preferirei sempre far sorridere e alleggerire la vita che di per se porta i suoi drammi ma anche le sue gioie.
In verde è la frase iniziale di Patricia Moll seguita dalla mia fine.

LA TANA

Natale! Dovrebbe essere il periodo delle feste, dei pranzi in compagnia... della gioia e dell'allegria. Eppure, quest'anno sarebbe stato diverso. Troppe cose erano cambiate. Aveva soltanto più ricordi che già sapeva il tempo avrebbe sbiadito.
Doveva trovare una soluzione.
Tornare.
Sì tornare là dove era nata, tornare alla sua vecchi tana, alle sue radici.
Dove era ora era stata ferita e si sentiva monca. Suo marito era morto, così senza motivo, per un folle che con un camion aveva attraversato quel mercatino di Natale.
Riviveva ogni  notte quegli attimi di terrore, rivedeva lui che la spingeva e le lanciava il loro bambino.
No, non avrebbe dimenticato ma suo figlio aveva il diritto di vivere protetto e circondato dall'amore. Chi meglio dei suoi genitori avrebbero potuto accoglierli, coccolarli, cullarli.
Sì, tornare, e ricominciare da lì. 
Poi forse un domani sarebbero rimasti solo i ricordi migliori.

4 commenti:

  1. Anna Maria.. non ho parole.... sei grande!!!!!
    Bacio!

    RispondiElimina
  2. Grande proprio No! :)))
    Felice che ti sia piaciuto.
    Grazie per gli spunti che spargi a larghe mani a noi del web.
    Bacio.

    RispondiElimina
  3. Ben fatto e non mi sembra poi così triste. Io in genere sono più apocalittico di così ;-)
    Dubito che riucirò a partecipare stavolta, impegnato come sono nella stesura di un mega post, ma mi leggerò comunque il riepilogo dei finali quando Patricia lo pubblicherà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bé, allegro allegro non è.
      Un "ben fatto" detto da te è come aver avuto un buon voto, vuol dire che per lo meno è corretto. ;)))

      Elimina