venerdì 23 giugno 2017

INSIEME RACCONTIAMO 22- Px







#Insieme raccontiamo#Patricia Moll

INSIEME RACCONTIAMO 22

Questa volta al gioco, Insieme raccontiamo, di Patricia Moll del Blog Myrtilla'Shouse ci sono anch'io. Le regole le trovate: 


INSIEME RACCONTIAMO 22

Il suo Incipit è scritto in verde a seguire il mio racconto, dopo l'immagine suggerita da Patricia Moll.

Si sedette sul divano col personal sulle ginocchia. Finalmente un po' di pace. Nessuno tra i piedi, silenzio, la coca fresca accanto e... pace, appunto!
Però qualcosa non andava. Lo schermo del pc pareva vivere di vita propria. Prima di uno strano colore rossastro, ora era pieno di stringhe di codici che continuavano a scorrerle davanti agli occhi senza fermarsi. E non lo aveva ancora acceso.
Improvvisamente, parole di senso compiuti comparvero in mezzo alle stringhe ad un borbottio strano che pareva uscire dallo schermo. Parole incomprensibili... come se fosse un'altra lingua.
Si avvicinò al monitor per leggere ed ascoltare meglio e...



Px

Un fruscio fastidioso: ssccknftdlpzfrstcgsssssccccccbtlprssss
"Ma che cavolo succede?"
Le stringhe mutarono, apparvero vocali: ssscccceeeeeiiiissssccccoooouuuuaaaa. Poi apparve una scritta seguita da una voce metallica e monocorde:
"Chi sei? Sai comunicare?"
Fece un salto sulla sedia. Sbalordita e con le mani titubanti si avvicinò alla tastiera e digitò:
"Sono Alice, tu chi sei?"
"Sono Px del pianeta Puntix, descriviti, come sei fatto?"
"Sono fatta di carne, ho un corpo, una testa, due gambe con piedi, due braccia con gambe. E tu come sei fatto?"
ssssssccccccc:"Non comprendo. Cosa sono: carne, gambe, piedi, braccia, mani? IO sono pensante."
"Anch'io! Non so come spiegarti la composizione di carne, ma la testa serve per pensare, le gambe con i piedi per muoversi, le braccia con mani per: abbracciare, toccare, accarezzare, pizzicare, manipolare, prendere..." tralasciò picchiare, non le sembrava un bel modo di presentarsi.
sssssccccccc:"???"
"Non puoi mostrati?"
sssssccccccc: "Che cosa è: mostrarti?"
"Vederci, guardarci."
ssssscccccc: "???" sssscccc "Non comprendo:vederci, guardarci."
"Osservarci, registrarci, con una telecamera, un obiettivo, vederci con gli occhi."
sssssccccccc:"??? telecamera? obiettivo? occhi?" la voce metallica, stava diventando perplessa, pensosa e meno monocorde. 
"Tu che mi hai trovato, non puoi mandarmi una tua immagine?"
"sssscccccc ???"
"Descrivi il tuo pianeta, dove si trova?"
"sssssssccccccc secon ssssssscccccc setl ssssssccccc..."
Un crepitio più veloce poi un botto, seguito sul monitor da un'esplosione di stelle. Poi più nulla. Solo la solita immagine sul Desktop.
Possibile fosse successo davvero? Che fosse un sogno? 
Alla radio cantava Edoardo Bennato -L'isola che non c'è. 

12 commenti:

  1. Povero puntixiano! Si è spaventato! 😄😄😄😄
    Bel rientro Anna!
    Grazie e bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà! Forse connessioni difficili con allineamenti di pianeti possibili solo in trilioni di anni, oppure esperienze sensoriali diverse, forse aveva le antenne e strisciava.
      Grazie a te per il gioco sempre attuale.

      Elimina
  2. Povero puntixiano! Si è spaventato! 😄😄😄😄
    Bel rientro Anna!
    Grazie e bacio

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Grazie, anche il tuo è molto bello, riesci sempre a trovare in ogni situazione un risvolto positivo.
      Un abbraccio <3

      Elimina
  4. Bellissimo, Anna Maria! Una vera fiaba tecnologica ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Ivano, felice ti sia piaciuta e di non aver scritto emerite cavolate tecnologiche, perché la mia conoscenza in questo campo e pari a -zero.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ueilà!!! Senti chi parla :D
      Grazie Massimiliano, è un bellisimo complimento.
      Mi piace moltissimo il tuo modo di sdrammatizzare con l'ilarità molte cose che dici e pensi e tra l'altro con cognizione di causa.
      Un abbraccio.

      Elimina
    2. Una -s- è rimata sulla tastiera, non so come si fa a correggere perciò resta così. Sperando non ci siano altre sviste che mi rappresentano in toto, ma chi se ne importa. ;)

      Elimina
  6. E niente, Anna Maria la regina delle favole, pure ipermoderne! Bella! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina, troppo buona, io mi sento più un due di picche ;)

      Elimina